Gianni Testa

Recensito nei più importanti cataloghi d’arte, e presente nelle più importanti Fiere d’Arte Moderna, italiane e straniere, Gianni Testa è nato a Roma il 23 ottobre 1936. Conclusi gli studi superiori, si iscrive ai corsi di Architettura presso l’Università La Sapienza di Roma che però, nonostante gli ottimi risultati, decide di lasciare per dedicarsi completamente alla passione per la pittura.

Frequenta i corsi della Scuola di restauro presso la Galleria Borghese, studia ed approfondisce le tecniche usate nelle varie epoche dagli artisti per interpretare, attraverso la raffigurazione della realtà, sentimenti ed emozioni, e per circa dieci anni si dedica quasi completamente al restauro. Si dedica in seguito agli studi di scultura sotto l’egida del Maestro Bartolini. In quel periodo conosce e frequenta gli artisti Quaglia, Mazzacurati, Levi, Guttuso, Calabria e più tardi Pericle Fazzini di cui diventa amico. Proprio Levi lo sollecita nel 1962 a partecipare ed esporre in collettiva insieme con Quaglia, Guttuso, Mazzacurati e Domenico Purificato. L’interesse con il quale la critica nazionale accoglie i suoi primi dipinti, oltre che le sue sculture, lo stimola a proseguire con caparbia tenacia la strada intrapresa, che si rivelerà nel corso degli anni, piena di sacrifici e rinunce, ma anche colma di successi all’unisono riconosciutigli e di traguardi brillantemente superati. Molti sono stati infatti i premi fin qui conseguiti, le rassegne collettive d’arte cui ha partecipato, dalla Biennale Romana alla Triennale di Milano e alla Quadriennale di Roma, e altrettanti i concorsi nazionali vinti.